EDITORIALE >> 4^ Giornata

EDITORIALE >> 4^ Giornata

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
A cura di Francesco Saracino
Mail: press@torneicalcio.it
 
>>FOCUS
 
⚽ ARSENAL – ATLETICO MADRID 4 - 5

Roma, 3 Dicembre, "Campo B" – Esaltante e pirotecnica: sono questi gli aggettivi descriventi una gara disputata da due formazioni briose.
Di fronte ai frizzanti Colchoneros, una matricola del torneo, i Gunners di Curti e Scrocca. 
Pronti via, ed è l’Arsenal a pungere: al minuto 7’, è Cozzi con una gran conclusione dal limite dell’area a spiazzare l’estremo difensore spagnolo.
L’autore dell’immediato pareggio è un mastodontico Giovannini: al minuto 10’, il suo slalom è superlativo, e la conclusione sul secondo palo magnifica.
Si chiude così una prima frazione di gioco sostanzialmente fondata su un’equità tecnico – tattica.
Nella seconda frazione di gioco muta radicalmente l’inerzia del match.
Le due squadre si sbilanciano, alla ricerca di una vittoria essenziale, e ne scaturisce una partita scoppiettante.
Al minuto 30’, è Roccheggiani a suonare la carica: la sua conclusione dal limite confonde il portiere britannico.
I biancorossi sono scatenati, ed insistono: al minuto 33’, Rindi raccoglie il pallone nella sua metà campo, salta tre avversari, e punisce.
L’uno – due iberico non annichilisce gli anglosassoni: Melappioni, con una sontuosa volée, al minuto 37’, accorcia le distanze.
Al minuto 40’, è ancora Cozzi di testa a tenere vivo l’Arsenal.
Proprio sul finire di gara, Giovannini e Rindi pongono fine definitivamente al match: l’Atletico vince, e convince.
 
PAGELLE
 
ATLETICO MADRID:
 
Gigli 6: luci e ombre. INCOLORE
Roccheggiani 6.5: presenza altisonante. FONDAMENTALE
Rindi 8: velocità e tecnica. COMPLETO
Cimaglia 7: il capitano raramente sbaglia. PRECISO
Giovannini 7: segnature preminenti. DECISIVO
Cavallo 7: gestisce i suoi. COMANDANTE
Muscianisi, Litardo J., Litardo S. 6: importanti nell’orchestra madrilena. ARMONICI
 
 
ARSENAL:
 
Giuggioli 6: a tratti non c’è. RIVEDIBILE
Curti 6: fisicità rilevante. POSSENTE
Scrocca 6: presto esce per infortunio, ma è una presenza importante. UTILE
Cozzi 7: detta i tempi. METRONOMO
Di Gaspare, Liverani 6: fanno il loro. SUFFICIENTI
Matrone, Mancelli 6: manca il quid. EFFICIENTI
Melappioni 7: non fallisce mai appoggi e conclusioni. CHIRURGICO
 
 
 
 
 
 
 
 
⚽ EVERTON – PSG 4 - 11

Roma, 3 Dicembre, "Campo B" – Senza storia la gara tra Toffies e transalpini.
I francesi, guidati da Avato e Spagnolo, sconfiggono, senza se e senza ma gli inglesi, orfani di giocatori del calibro di Quintarelli e Baronci.
Nemmeno il tempo di iniziare la gara, e il PSG parte col piede sull’acceleratore: al minuto 2’, Bonomo dal limite centralmente non fallisce il bersaglio.
Al minuto 5’, Accolla s’invola sull’out di destra e spiazza il portiere.
La marcatura a tinte blu è illusoria: Solustri calcia magistralmente a giro sul secondo palo.
Nonostante questa segnatura, Spagnolo e Bonomo sono i mattatori della serata: il numero nove ed il numero dieci francese danno spettacolo, e riescono a chiudere la prima frazione di gioco sul parziale di 5-2.
I seguenti venticinque minuti sono la fotocopia del primo tempo.
Il PSG non ha tregua, nei confronti di uno stordito Everton.
Spagnolo inventa, Bonomo finalizza, senza alcun tipo di remora.
Calabria, Canestrati e Solustri sono gli ultimi in casa Everton a deporre le armi, in una gara tendenzialmente a senso unico.
I parigini volano, chiudendo con il risultato finale di 4-11: riuscirà qualcuno a placare la corsa dei francesi?
 
PAGELLE
 
EVERTON:
 
Calabria 6.5: stavolta non riesce ad incidere. FLEBILE
Canestrati 6.5: uno degli ultimi ad issare bandiera bianca. STRENUO
Solustri 7: una doppietta dal sapor amaro. PREMINENTE
Gaiani 6: fuori dalla gara. CONFUSO
Fedeli, Forgione 6: in balia del fraseggio francese. PRESENTI
Carfagna, Gorgiulo 6: rendono poco. ALTALENANTI
 
 
PSG:
 
Spagnolo 8: il numero 10 è fantasia allo stato puro. MAGISTRALE
Accolla 7.5: solca l’out di competenza come desidera. FRIZZANTE
Bonomo 8: bomber di razza. CECCHINO
Avato 7: imposta sul velluto. SONTUOSO
Giayvia 6.5: assist a profusione. GENEROSO
Rosati, Bo 6.5: tecnica a servizio del gruppo. SIGNORILI
 
 
 
 
>> LE ALTRE SFIDE
 
 
 
⚽ SWANSEA – AJAX 2 – 5
 
Il fortino britannico resiste unicamente venticinque minuti di fronte al colosso olandese, finalista dell’ultimo torneo.
E’ nel secondo tempo infatti che i lancieri dilagano: Rambaudi inventa, Cozzi finalizza.
Lo Swansea si lecca le ferite, e riparte da zero: fino alla fine, provano a non issare bandiera bianca Tamaro e Guidi.
 
 
 
⚽ BARCELLONA – LIVERPOOL 5 – 6
 
Profondamente equilibrata la gara tra Blaugrana e Reds.
I catalani, formazione ricca di esperienza, riesce quasi in un’inaudita impresa nella ripresa.
Gli inglesi, nella prima frazione di gioco, sviluppano un gioco notevole, grazie a Marzolini e Mataldi.
 
 
 
⚽ PORTO – CHELSEA 3 – 0
 
I lusitani sottomettono gli inglesi, con un perentorio 3 – 0.
La formazione guidata da capitan Faratro soccombe, di fronte alla banda Parroni.
Quest’ultimo è protagonista assoluto, con una doppietta mastodontica.
 
 
 
⚽ GALATASARAY – MANCHESTER UNITED 9 - 2
 
 
 
I Red Devils non riescono a reperire la quadra del cerchio, ed a rendere l’operazione ancora più complicata, ci pensa l’armata ottomana, semifinalista dell’ultimo torneo. 
Sugli scudi, con una gara superlativa, Lauriola e Angelini.
 
 
 
⚽ PERUGIA – CELTIC 1 – 2
 
In una partita serrata, sono gli scozzesi a spuntarla.
Nonostante ambedue le formazioni lottino nei bassifondi della classifica, hanno esposto un gioco sontuoso. 
Zafiro e Tursi, con una marcatura ciascuno, garantiscono un’importante vittoria.
 
 
 
MANCHESTER CITY – BAYERN MONACO 6 – 3
 
Il Bayern dei fratelli Amorese si arrende di fronte ai furetti del City.
Preminente la performance di Jara e De Felice per il City.
Salvano la prestazione dei blu di Manchester Protani e Passaro.
 
 
 
WEST HAM – REAL MADRID 2 – 4
 
I Blancos, sebbene qualche passo falso, ritrovano la retta via, con una vittoria di misura contro gli Hammers.
Romualdi e Altobelli, entrambi con una doppietta, sono i migliori in campo in casa Real.
Per il West Ham, De Lorenzo, con le due segnature, rende meno amara la sconfitta.